Logo CIAC Impresa sociale ETS
News(current) NO AI CAMPI, SI ALLE PERSONE

No ai Cpr, no ai grandi centri, sì alle persone

Ciac e Casa della Pace invitano alla mobilitazione in vista della manifestazione regionale del 2 marzo contro i Centri di Permanenza e Rimpatrio e i campi come quello di Martorano

Comunicati stampa

Stop ai Centri di Permanenza e Rimpatrio, ai campi “provvisori” come quello di Martorano e a tutti i grandi centri dove vengono segregati i migranti. Anche Parma si mobilita, insieme a diverse realtà emiliano-romagnole, per ribadire il “No ai campi, sì alle persone” anche in vista della manifestazione regionale che si terrà il 2 marzo a Ferrara.



Oggi più che mai la violenza e la manifesta violazione dei diritti umani che si perpetua all’interno dei CPR sono sotto gli occhi di tutti. Basti citare le umiliazioni fisiche, l’abuso nella somministrazione di psicofarmaci, il sovraffollamento e le condizioni igieniche disumane emerse nella struttura di Milano grazie a diverse inchieste giornalistiche e ora anche sotto la lente della magistratura. Ma anche il numero di suicidi in continuo aumento tra chi è costretto a vivere in condizioni disperate, l’ultimo solo qualche giorno fa a Ponte Galeria, dove Ousmane Sylla si è tolto la vita dopo otto mesi di reclusione. Oppure le continue rivolte, come quelle nella struttura di Trapani e non solo, dei cittadini stranieri che non sopportano di vivere dietro le sbarre senza aver commesso alcun reato. 

Nonostante tutto questo il Governo italiano vuole aprire in tutte le regioni, e quindi anche in Emilia-Romagna, un Cpr puntando su un modello di gestione delle migrazioni basato sull’esclusione, sulla sua violenza e sulla brutalità. Come Ciac e Casa della Pace di Parma non solo non accettiamo questa assurda decisione, ma chiediamo l’immediata chiusura di queste strutture su tutto il territorio nazionale. 

La scelta di creare “campi di transito” come quello di Martorano, pur con alcune differenze rispetto ai CPR, va letta in continuità con la politica dell’emergenza, che mira soltanto a parcheggiare i migranti in luoghi isolati, lontani dagli occhi degli autoctoni, situazioni in cui viene sistematicamente negato ogni servizio, spazi dove non è in alcun modo possibile costruire un percorso di autonomia e di inclusione. 

Come cittadini e cittadine, realtà, avvocati e migranti che lottano ogni giorno garantire condizioni degne nei grandi centri di accoglienza, contro l’aumento dei Centri di Permanenza e Rimpatrio e per la chiusura di strutture come il campo di Martorano, chiediamo a tutti e tutte di unirsi a questo appello e mobilitarsi insieme a noi scrivendo una mail a: associazione@ciaconlus.org.

Energia e sorellanza

Energia e sorellanza

Durante il Safe Space si sono condivise le sensazioni sulla giornata dell'8 marzo. Sia chi parlava sia chi scriveva le sue parole sui bigliettini ha reso chiara la forza delle donne.

Arianna e Sofiia:

Arianna e Sofiia: "È bastato un sorriso per capire che sarebbe nata una bella amicizia"

Le due giovani ragazze, Arianna e Sofiia, hanno condiviso la loro esperienza all'interno dell'iniziativa del Community Matching

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it