Logo CIAC Impresa sociale ETS
News(current) SOSTIENICI

Omicidio Alika: rabbia, violenza, razzismo. L'Italia è un'altra cosa

Dopo l'omicidio di Macerata tutti dobbiamo assumerci una grande responsabilità: lavorare per costruire, non per distruggere, per onorare le vittime, non per farne bandiere politiche, per curare le ferite, non infiammarle

approfondimenti

Alika Ohochukwudi Marcello Volta

Alika Ogochukwu aveva 39 anni, disabile era sposato e con un figlio piccolo. Per vivere chiedeva qualche spicciolo ai passanti. E' morto sabato in pieno centro a Civitanova Marche. Un 32enne lo ha prima colpito con una stampella e poi soffocato a mani nude. A scatenare la furia omicida sarebbe stato l'atteggiamento molesto della vittima.

Sin qui i fatti, nudi e crudi. Ma dietro la fredda cronaca c'è altro: la rabbia, la violenza, il razzismo ma anche l'indifferenza e il futuro dell'Italia.

Andando in ordine: il razzismo. Il punto qui non è la provenienza o il colore della sua pelle della vittima o quella dell'assassino, ma la violenza che è stata utilizzata da un uomo contro un altro uomo. Da dove arriva questa rabbia? Da quando è "normale" questo livore? Forse è l'assenza di una reale educazione al diverso, di certo ha un ruolo una classe politica che soffia sul fuoco dell'intolleranza, che - per meri fini elettorali - non bada ai danni profondi e diffusi che la loro loro campagna sta portando nella società. Lo sdoganamento dell'odio contro lo straniero, il povero, il diverso, presente nelle parole di alcuni può solo portare a fatti drammatici come quello accaduto a Civitanova.

Ma c'è anche altro nell'omicidio Alika: l'indifferenza. La strada dove il dramma è avvenuto era frequentato da molti passanti: nessuno è intervenuto, in diversi hanno deciso di filmare con il cellulare quanto stava avvenendo. Sarebbe troppo facile  unirsi al coro quelli che accusano di menefreghismo chi ha deciso di non fare nulla. Chi di noi, vedendo un'aggressione tanto violenta, avrebbe deciso di intervenire mettendo a rischio la propria vita? La risposta non è scontata. E non stiamo parlando di coraggio ma di scelte: quanto vale la vita di un altro, forse quella di un "diverso" vale meno? Tagliare con l'accetta le situazioni, dividendo tutto in bianco o nero è un'abitudine semplice, ma porta a risposte sbagliate. C'è un'altra domanda aperta: se i colori della pelle di vittima e carnefice fossero stati invertiti qualcuno avrebbe cercato di intervenire? Non lo sapremo mai. 

C'è un ultimo punto, non certo secondario, che va affrontato: il futuro. Da una parte una famiglia distrutta, la moglie che non riesce a capacitarsi di quanto accaduto, la politica che promette di non abbandonarli, dall'altra sdegno a frotte sui social e nelle discussioni politiche. Facciamo una scommessa: qualche giorno e nessuno si ricorderà più dell'omicidio di Alika. Torneremo alle nostre discussioni inutili, i politici continueranno a parlare di porti chiusi, di invasione e di criminalizzazione dei migranti. Bisogna uscire da questo cortocircuito. Abbattere le barricate del “noi” contro “loro”, dei “bianchi” contro i “neri”, degli Italiani contro gli stranieri. 

Alla fine, però. resta solo una certezza: l’Italia non è solo il paese che abbiamo visto sabato. Ma è una nazione fatta di associazioni, volontari, medici e forze dell’ordine che ogni giorno supportano chi ha bisogno di aiuto. Tutti dobbiamo assumerci una grande responsabilità, lavorare per costruire, non per distruggere, per onorare le vittime, non per farne bandiere politiche, per curare le ferite, non infiammarle. Ed è da questo certezza che dobbiamo partire per continuare a combattere. Per Alika, per la sua famiglia e per tutti quelli come loro. 

Immagine di apertura di Gianluca Costantini (@channeldraw su Twitter)

L'accoglienza? E' diventata affido!

L'accoglienza? E' diventata affido!

Una mamma, la figlia adolescente e due cani vogliosi di coccole. Ma in questa casa c’è qualcosa di diverso. Seduto sul divano c’è Bashir un giovanissimo Gambiano che sino a pochi giorni fa viveva nel campo di Martorano

Energia e sorellanza

Energia e sorellanza

Durante il Safe Space si sono condivise le sensazioni sulla giornata dell'8 marzo. Sia chi parlava sia chi scriveva le sue parole sui bigliettini ha reso chiara la forza delle donne.

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it