Logo CIAC Onlus
News(current)

La strage nella chiesa nigeriana: il gigante di 250 etnie e la lotta per la terra

La barbara uccisione di così tanta gente, che partecipava alla Santa Messa domenicale, sarebbe stata ideata con l’intento di contrastare in modo violento il «rigoroso rispetto della legge sul pascolo aperto»,

approfondimenti
Pubblichiamo questa analisi su quanto accaduto domenica in Nigeria. L'articolo, a firma di Padre Giulio Albanese, è apparso su AVVENIRE negli scorsi giorni.

L'attentato in NigeriaIl massacro perpetrato domenica scorsa all’interno chiesa cattolica di San Francesco, nella città di Owo, è l’ennesima conferma del malessere che attraversa la Nigeria. Sebbene gli autori dell’efferato crimine non siano ancora venuti allo scoperto, il movente potrebbe ascriversi alle sanguinose tensioni interetniche e interreligiose tra i pastori nomadi fulani e quelle comunità più sedentarie dedite all’agricoltura, come ad esempio la popolazione Yoruba.

Dunque, la barbara uccisione di così tanta gente, che partecipava alla Santa Messa domenicale, sarebbe stata ideata con l’intento di contrastare in modo violento il «rigoroso rispetto della legge sul pascolo aperto», imposto recentemente, in ottemperanza a normative locali già da tempo vigenti, dal governatore dello Stato dell’Ondo, Oluwarotimi Akeredolu. Da rilevare che già in passato i fulani avevano compiuto razzie d’ogni genere, ma mai si erano spinti così a meridione nella Repubblica federale nigeriana, organizzando un attentato che, nella sua dinamica, richiama quelli perpetrati dalla più nota organizzazione islamista Boko Haram.

Tradizionalmente legati alla fascia territoriale saheliana, i fulani da tempi ancestrali si spingono verso meridione in cerca di pascoli e trovano l’opposizione delle popolazioni stanziali e delle autorità locali. Occorre tenere presente che è impossibile redigere un computo dei gruppi armati e delle bande che imperversano in questo Gigante africano, con una popolazione difficile da censire, comunque di oltre 200 milioni di abitanti, disseminati in un territorio di 923.769 chilometri quadrati, la cui densità abitativa è di 223 persone per chilometro quadrato.

Da questo già si evince come il tema della terra sia scottante per tutti, considerando peraltro che questi gruppi pastoralisti, dalle zone semiaride della fascia saheliana spingono a Sud anche perché spinti dal Global Warming che non hanno certo inventato loro. Sta di fatto che la convivenza tra i 250 gruppi etnici che popolano la federazione nigeriana, molti dei quali minoritari, non è facile, partendo dal presupposto che il Nord è d’estrazione religiosa islamica, mentre il sud è cristiano (con un numero spropositato di chiese indipendenti, oltre a quelle fondate dai missionari cattolici e protestanti) e animista.

Ancora una volta, pertanto, si pone la vexata quaestio dell’integrazione sociale all’interno del più popoloso Paese dell’Africa subasahariana, con straordinarie potenzialità economiche ma profondamente segnato dalle diseguaglianze sociali. Un contesto – è bene sottolinearlo – spesso dimenticato dalla grande stampa internazionale, dove a pagare il prezzo più alto sono i ceti meno abbienti. Pertanto fa piacere sapere del rinnovato impegno da parte delle autorità governative di Abuja in difesa dei diritti umani, garantendo sicurezza e partecipazione.

Ma è evidente che è ora di passare dalle buone intenzioni ad iniziative politiche che possano contrastare la piaga della povertà in Paese che galleggia sul petrolio e in cui la ricchezza è concentrata – e non da oggi – nelle mani di un manipolo di nababbi, con la connivenza delle multinazionali che operano nell’industria estrattiva d’ogni genere d’idrocarburi. A questo punto viene spontaneo domandarsi come mai l’obiettivo dei terroristi sia stata una chiesa cattolica. L’attentato, in quanto tale, porta certamente alla ribalta ancora una volta una strategia ben consolidata in Nigeria e in altri Paesi dell’Africa subsahariana.

Quella perseguita da non pochi gruppi sediziosi che strumentalizzano la religione per fini eversivi, con l’intento dichiarato di destabilizzare lo stato di diritto. D’altronde, quella dei fulani, è una delle tante componenti armate che in questi anni hanno insanguinato la Nigeria, terreno di scontro tra gruppi jihadisti e reparti dell’esercito regolare nel nord; per non parlare delle bande di saccheggiatori e rapitori nel nord-ovest e nel centro; mentre il sud-est è teatro di azioni sovversive da parte di gruppi armati di matrice separatista.

Quando un aperitivo ti apre un mondo... il progetto Community matching a Torino

Quando un aperitivo ti apre un mondo... il progetto Community matching a Torino

"E' stata una serata magnifica, ho conosciuto tante belle persone da tutto il mondo, ho parlato 3 lingue e ho iniziato ad impararne una quarta!". Questa frase rappresenta molto bene il senso del progetto community matching ma anche l'obiettivo dell'aperitivo che si è svolto nei giorni scorsi a Torino presso il locale a conduzione sociale Pandàn.

I profughi ucraini:

I profughi ucraini: "Scoprire Parma ci riempie di gioia" - LE FOTO

Nei giorni scorsi oltre trenta persone - compresi tanti bambini - hanno visitato il palazzo della Pilotta. E' stata l'occasione per scoprire i tanti libri storici contenuti nella biblioteca Palatina; visitare il magnifico Teatro Farnese un gioiello nascosta tra le imponenti mura ma di una bellezza impagabile e fermarsi davanti ai quadri e alle statue custodite nel museo nazionale. 

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it