Logo CIAC Onlus
News(current)

A Lampedusa e nella Locride i profughi delle altre guerre

A Lampedusa l’hotspot destinato a contenere all’incirca 500 persone è arrivato a quota 1000 ospiti, portando la struttura ai limiti del collasso e mettendo a rischio la salute dei migranti. Si tratta per la maggior parte di donne, bambini e persone con problemi di salute, sia fisica che mentale.

rassegna stampa

Barche a LampedusaNascosta dalle notizie sull’invasione russa dell’Ucraina, un’altra tragedia della migrazione si sta consumando all’interno dei confini italiani. A Lampedusa l’hotspot destinato a contenere all’incirca 500 persone è arrivato a quota 1000 ospiti, portando la struttura ai limiti del collasso e mettendo a rischio la salute dei migranti. Si tratta per la maggior parte di donne, bambini e persone con problemi di salute, sia fisica che mentale. A denunciare la situazione è Mediterranean Hope, l’organizzazione legata alla Federazione delle chiese evangeliche che accompagna i richiedenti asilo nel loro percorso di inserimento nella società italiana.

Le persone che giungono a Lampedusa di giorno rischiano la disidratazione, aspettando sotto il sole al molo Favaloro o all’interno dell’hotspot, già provate dai viaggi in mare, mentre di notte a causa delle temperature molto più basse rischiano di ammalarsi e il centro non è in grado di accogliere in condizioni umane così tanti migranti. L’isola stessa, fa notare l’organizzazione umanitaria, è sprovvista di molti servizi, rendendo l’accoglienza una vana parola, e Mediteranean Hope chiede invece soluzioni di lungo periodo per gestire il fenomeno migratorio dalla Libia e dalla Tunisia e corridoi umanitari per chi scappa da Paesi in cui vengono calpestati i diritti delle persone.

CONTINUA A LEGGERE SU DIOGENE

Quando un aperitivo ti apre un mondo... il progetto Community matching a Torino

Quando un aperitivo ti apre un mondo... il progetto Community matching a Torino

"E' stata una serata magnifica, ho conosciuto tante belle persone da tutto il mondo, ho parlato 3 lingue e ho iniziato ad impararne una quarta!". Questa frase rappresenta molto bene il senso del progetto community matching ma anche l'obiettivo dell'aperitivo che si è svolto nei giorni scorsi a Torino presso il locale a conduzione sociale Pandàn.

I profughi ucraini:

I profughi ucraini: "Scoprire Parma ci riempie di gioia" - LE FOTO

Nei giorni scorsi oltre trenta persone - compresi tanti bambini - hanno visitato il palazzo della Pilotta. E' stata l'occasione per scoprire i tanti libri storici contenuti nella biblioteca Palatina; visitare il magnifico Teatro Farnese un gioiello nascosta tra le imponenti mura ma di una bellezza impagabile e fermarsi davanti ai quadri e alle statue custodite nel museo nazionale. 

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it