Logo CIAC Onlus
News(current)

La vita delle persone non può essere strumento di gestione della politica estera da parte dell’Europa e dei governi nazionali

Il respingimento massiccio dei migranti o richiedenti asilo in ingresso verso l’Europa ai confini tra la Bielorussia e la Polonia, ma anche alla frontiera con la Lituania e Lettonia, è l’estrema conseguenza delle egoistiche politiche di chiusura delle frontiere che, oramai da molti anni, gli Stati membri dell’Unione europea stanno perseguendo e che, a ben vedere, anche la Commissione europea non contrasta in alcun modo.

Cronaca
Pubblichiamo un approfondimento di ASGI sulla situazione ai confini orientali dell’Europa.

Il respingimento massiccio dei migranti o richiedenti asilo in ingresso verso l’Europa ai confini tra la Bielorussia e la Polonia, ma anche alla frontiera con la Lituania e Lettonia, è l’estrema conseguenza delle egoistiche politiche di chiusura delle frontiere che, oramai da molti anni, gli Stati membri dell’Unione europea stanno perseguendo e che, a ben vedere, anche la Commissione europea non contrasta in alcun modo.

Ancora una volta, come è già accaduto in altri contesti, le persone bloccate nelle aree di confine – molte delle quali in evidente condizione di estrema fragilità – vengono utilizzate strumentalmente per fare valere ragioni politiche e conflitti tra l’Unione europea e la stessa Bielorussia che nulla hanno a che vedere con le questioni migratorie.

confineUn esercito contro persone inermi

Ci si chiede come sia possibile immaginare che la Polonia, che ha ospitato nel 2020 poco più di 1.500 richiedenti asilo, possa ritenere in pericolo la propria sicurezza, tanto da dichiarare uno stato di emergenza nazionale e da schierare un ingente esercito per fronteggiare famiglie e persone inermi.

La situazione esistente al confine tra Unione Europea e Bielorussia è evidentemente gestibile senza mettere in campo dispositivi militari che nulla hanno a che fare con i principi di libertà e democrazia che dovrebbero governare le scelte dei Paesi all’interno dell’Unione europea; è evidentemente gestibile senza impedire a giornalisti ed organizzazioni della società civile di documentare le violenze in atto e supportare le persone che necessitano di aiuto materiale immediato.

Tuttavia, invece di condannare fermamente il comportamento delle autorità polacche, anche altri Stati membri dell’Unione europea stanno utilizzando strumentalmente la vicenda per legittimare scelte draconiane di riforma della loro legislazione interna in materia di immigrazione ed asilo (è il caso certamente della Polonia e della Lituania).

La stessa UE si rende responsabile di quanto sopra: il recente rafforzamento delle misure restrittive nei confronti della Bielorussia dirette anche nei confronti di coloro che agevolano l’attraversamento delle frontiere esterne dell’Unione e i colloqui in corso con le autorità bielorusse per agevolare il rimpatrio dei migranti presenti nelle aree di frontiera, dimostrano che anche la priorità dell’Unione Europea è esclusivamente quella di rafforzare e proteggere i confini, non certo quella di garantire il diritto di asilo e l’accesso dignitoso delle persone nel proprio territorio.

Non meraviglia, dunque, che tali scelte raggiungono il culmine con la volontà, chiaramente manifestata da 12 Stati membri (Austria, Cipro, Danimarca, Grecia, Lituania, Polonia, Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia e Repubblica Slovacca) di innalzare muri fisici di confine con l’esterno dell’Unione europea. Proposta relativamente alla quale la stessa Commissione europea ha dato il proprio implicito avallo, salvo sostenere che ciò non verrà fatto con finanziamenti propri.

CONTINUA A LEGGERE

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Vuoi diventare tutor?

Vuoi diventare tutor?

Sei un singolo cittadino o una famiglia? Fai parte di un’associazione, una parrocchia, un circolo e vuoi dare un supporto concreto ai rifugiati? Puoi diventare tutor per l'integrazione, stringendo una relazione relazione con una persona rifugiata che abita nel tuo territorio. Questo percorso aprirà delle porte sui mondi di entrambi: la persona rifugiata troverà nuovi amici e un sostegno pratico ed emotivo, mentre il tutor avrà l’opportunità di vedere da vicino realtà spesso conosciute solo attraverso i toni allarmistici dei media e della politica.

Sei un rifugiato?

Sei un rifugiato?

Sei un rifugiato o una rifugiata e hai bisogno di un sostegno nel tuo percorso di inclusione sociale in Italia? Puoi iscriverti per entrare in contatto con un volontario/volontaria o un'associazione che allargherà le tue reti sociale e le tue conoscenze nel territorio in cui vivi. Potrai trovare aiuto nell'affrontare piccole e grandi sfide quotidiane, supporto emotivo, occasioni per parlare italiano al di fuori della formalità dei corsi e per scoprire la città insieme a nuovi amici.

diventa volontario

diventa volontario

Ci sono tanti modi per avvicinarsi a CIAC e diventare volontari attivi. In base alle proprie competenze e al tempo che si desidera mettere a disposizione, concorderemo un percorso di avvicinamento all’associazione e di affiancamento agli operatori, così da individuare insieme il modo migliore per valorizzare la vostra disponibilità.

Sostienici


DONA ORA!
Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it