Logo CIAC Onlus
News(current)

«Da imprenditore a comandante». Ogni notte in un nascondiglio diverso. E l'amicizia con i pacifisti italiani.

Nello Scavo di Avvenire, traccia un ritratto di uno dei comandanti della "resistenza" Ucraina che parla con i pacifisti italiani: "So che loro sono contrari all’invio delle armi, anche se ne abbiamo bisogno, però loro hanno scelto di stare qui con la nostra gente. Parliamo tanto e li ammiro molto. Siamo amici".

rassegna stampa
Pubblichiamo questo articolo di Nello Scavo uscito oggi su Avvenire. L'inviato traccia un ritratto di uno dei comandanti della "resistenza" Ucraina che parla con i pacifisti italiani:  "So che loro sono contrari all’invio delle armi, anche se ne abbiamo bisogno, però loro hanno scelto di stare qui con la nostra gente. Parliamo tanto e li ammiro molto. Siamo amici".
----
Un bomba inesplosa in Ucraina
Ogni notte un giaciglio diverso. Ieri, una buca coperta da una botola. Il giorno prima, un capanno degli attrezzi in mezzo a un campo di frumento. Oppure un riparo dietro al canneto sul fiume Bug. Il comandante Kovalenko parla di vita con la speranza di un condannato a morte. Ne è sicuro, il suo nome è nella lista dei sicari russi.

Gli omicidi mirati sono l’ultima brutalità di una guerra che tutti sanno arriverà all’inverno. Tra legna da spaccare per quando servirà il fuoco con cui sciogliere la neve e non dover più fare chilometri per trovare dell’acqua.

È di poche parole, Kovalenko. Magro e forte come un monaco zen con la faccia da ragazzo che a 47 anni ha rimesso gli scarponi da soldato. Sa d’essere ricercato dal nemico. La condanna può essere eseguita dall’alto, con un missile ipersonico. O da dietro l’angolo, dove i sabotatori russi potrebbero sbucare senza annunciarsi. Cinque li hanno arrestati domenica. Avevano telefonini «ripuliti», senza neanche una foto in memoria. E in casa un bel po’ di rubli.

Tutti sospettano di tutti. Ma di giorno Kovalenko non si nasconde. Veste da soldato. Ha una pistola nella fondina. Non ci dice se ha tolto la sicura, mentre lo incontriamo in uno dei quartieri più bersagliati di Mykolaiv. E non s’accorge che da seduto la canna della semiautomatica finisce per puntare contro di noi. «Speravo che così non mi facessi domande difficili», reagisce scherzando quando glielo facciamo notare.

Prima della guerra era un rispettato imprenditore edile. Ha parenti in politica, impegnati adesso nel volontariato per gli sfollati. I suoi operai sono ora la sua guarnigione. I russi lo vogliono morto anche per questo. Furgoni e picconi della ditta sono a disposizione di chi corre in prima linea. E anche il denaro per comprare quello che serve per la gente in armi.

Ha messo la famiglia al sicuro in Europa, ma lui non se n’è andato nonostante sia consentito lasciare il Paese per chi è padre di almeno tre figli: «È casa mia, è casa nostra. Dobbiamo farcela portare via senza dire una parola?», dice a voce bassa ma con un lampo negli occhi.

È grato quando vede arrivare aiuti umanitari dentro a pacchi “Made in Italy”. Spesso va a trovare dei volontari italiani di Operazione Colomba, che da mesi condividono la paura e gli affanni della popolazione. «So che loro sono contrari all’invio delle armi, anche se ne abbiamo bisogno, però loro hanno scelto di stare qui con la nostra gente – dice Kovalenko –. Aiutano gli sfollati e non chiedono niente. Parliamo tanto e li ammiro molto. Siamo amici. Abbiamo bisogno di loro».

CONTINUA A LEGGERE

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Vuoi diventare tutor?

Vuoi diventare tutor?

Sei un singolo cittadino o una famiglia? Fai parte di un’associazione, una parrocchia, un circolo e vuoi dare un supporto concreto ai rifugiati? Puoi diventare tutor per l'integrazione, stringendo una relazione relazione con una persona rifugiata che abita nel tuo territorio. Questo percorso aprirà delle porte sui mondi di entrambi: la persona rifugiata troverà nuovi amici e un sostegno pratico ed emotivo, mentre il tutor avrà l’opportunità di vedere da vicino realtà spesso conosciute solo attraverso i toni allarmistici dei media e della politica.

Sei un rifugiato?

Sei un rifugiato?

Sei un rifugiato o una rifugiata e hai bisogno di un sostegno nel tuo percorso di inclusione sociale in Italia? Puoi iscriverti per entrare in contatto con un volontario/volontaria o un'associazione che allargherà le tue reti sociale e le tue conoscenze nel territorio in cui vivi. Potrai trovare aiuto nell'affrontare piccole e grandi sfide quotidiane, supporto emotivo, occasioni per parlare italiano al di fuori della formalità dei corsi e per scoprire la città insieme a nuovi amici.

diventa volontario

diventa volontario

Ci sono tanti modi per avvicinarsi a CIAC e diventare volontari attivi. In base alle proprie competenze e al tempo che si desidera mettere a disposizione, concorderemo un percorso di avvicinamento all’associazione e di affiancamento agli operatori, così da individuare insieme il modo migliore per valorizzare la vostra disponibilità.

Sostienici


DONA ORA!
Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it