Logo CIAC Onlus
News(current)

Nigeria: i nostri fratelli sono sotto attacco. Fermiamo le violenze

Negato il diritto a una vita significativa e dignitosa, per non parlare dei servizi di base (scuole, buone strade, acqua, assistenza sanitaria  ecc.) che il governo della Nigeria da decenni nega alle masse del paese.

Lorem ipsum

Lettera per la Nigeria...

Vedendo cosa è stato fatto ai nostri fratelli e sorelle, alle nostre madri, ai nostri amici (se state seguendo le notizie sulla Nigeria) l'uccisione e l'abuso dei diritti civili da parte del governo nella protesta pacifica che è etichettata "END SARS" (la SARS è un'unità speciale della forza di polizia della Nigeria responsabile della protezione dei civili da ladri e crimini organizzati, che invece stanno uccidendo i cittadini che dovrebbero proteggere e sono usati come strumento per opprimere, estorcere e disumanizzare  dalle persone che dovrebbero governare. Questo comporta che un giovane uomo o una donna non hanno il diritto di avere nulla nella vita, nemmeno la sicurezza da parte di chi dovrebbe garantirla.

Vedendo cosa è stato fatto ai nostri fratelli e sorelle, alle nostre madri, ai nostri amici (se state seguendo le notizie sulla Nigeria) l'uccisione e l'abuso dei diritti civili da parte del governo nella protesta pacifica che è etichettata "END SARS" (la SARS è un'unità speciale della forza di polizia della Nigeria responsabile della protezione dei civili da ladri e crimini organizzati, che invece stanno uccidendo i cittadini che dovrebbero proteggere e sono usati come strumento per opprimere, estorcere e disumanizzare  dalle persone che dovrebbero governare. Questo comporta che un giovane uomo o una donna non hanno il diritto di avere nulla nella vita, nemmeno la sicurezza da parte di chi dovrebbe garantirla.

Né il diritto a una vita significativa e dignitosa, per non parlare dei servizi di base (scuole, buone strade, acqua, assistenza sanitaria  ecc.) che il governo della Nigeria da decenni nega alle masse del paese. Noi giovani della Nigeria vedendo cosa sta succedendo nella nostra terra madre, non abbiamo resistito a trattenerci dall’esprimere il nostro dissenso per la situazione politica così, dimostrando il sostegno ai protestanti in prima linea nella speranza che possa, anche questo piccolo gesto di solidarietà dare forza ed un popolo oppresso. 

Iniziata l’8 di Ottobre, la protesta nigeriana si appresta ad entrare nella quarta settimana di attività, questa ha raggiunto tristemente “notorietà” il 20 ottobre, che verrà per sempre ricordato come martedì nero in Nigeria. In un’oscurità spezzata solo dalla luce degli schermi di cellulari, il rumore di colpi d arma da fuoco irrompe mentre il corpo di polizia apre il fuoco verso una folla di giovani riuniti al casello autostradale di Lekki, quartiere di Lagos, per protestare nei confronti degli abusi perpetrati dalla SARS.

Il massacro di Lekki è stato il culmine di oltre 2 settimane di proteste per la brutalità delle forze armate nel paese. L’hashtag #EndSARS ha iniziato a veicolare (nuovamente) sui social il 4 ottobre. L’evento che ha scaturito la nascita e condivisione dello slogan è stato un video the mostrava un ufficiale della SARS sparare ad un giovane automobilista nella città di Ughelli, nello stato di Delta, successivamente viene ripreso spostare indifferentemente il corpo del ragazzo per prendere il suo posto ed andarsene al volante del SUV Lexus. Nel giro di giorno, folle di giovani si sono riunite nelle città nigeriane per richiedere l’abolizione del corpo speciale.

Le proteste di quest’anno seguono precedenti di attivismo e dichiarazioni governative che nel 2014, 2015 e 2017 annunciavano l’imminente smantellamento della SARS, eppure quest’ultima continua ad agire impunita, derubando, stuprando torturando e commettendo omicidi come quello si Delta. Dall’inizio delle rivolte, si stimano almeno 107 vittime, 48 delle quali hanno perso la vita martedì nero.

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle nostre attività, per sostenerci e diffonderle

Vuoi diventare tutor?

Vuoi diventare tutor?

Sei un singolo cittadino o una famiglia? Fai parte di un’associazione, una parrocchia, un circolo e vuoi dare un supporto concreto ai rifugiati? Puoi diventare tutor per l'integrazione, stringendo una relazione relazione con una persona rifugiata che abita nel tuo territorio. Questo percorso aprirà delle porte sui mondi di entrambi: la persona rifugiata troverà nuovi amici e un sostegno pratico ed emotivo, mentre il tutor avrà l’opportunità di vedere da vicino realtà spesso conosciute solo attraverso i toni allarmistici dei media e della politica.

Sei un rifugiato?

Sei un rifugiato?

Sei un rifugiato o una rifugiata e hai bisogno di un sostegno nel tuo percorso di inclusione sociale in Italia? Puoi iscriverti per entrare in contatto con un volontario/volontaria o un'associazione che allargherà le tue reti sociale e le tue conoscenze nel territorio in cui vivi. Potrai trovare aiuto nell'affrontare piccole e grandi sfide quotidiane, supporto emotivo, occasioni per parlare italiano al di fuori della formalità dei corsi e per scoprire la città insieme a nuovi amici.

diventa volontario

diventa volontario

Ci sono tanti modi per avvicinarsi a CIAC e diventare volontari attivi. In base alle proprie competenze e al tempo che si desidera mettere a disposizione, concorderemo un percorso di avvicinamento all’associazione e di affiancamento agli operatori, così da individuare insieme il modo migliore per valorizzare la vostra disponibilità.

Sostienici


DONA ORA!
Questo sito web utilizza i cookie
Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Ulteriori informazioni
design komunica.it | cms korallo.it