Il progetto

Nasce nel mese di gennaio 2016 il progetto TANDEM: un progetto di co-housing e social networking tra giovani italiani tra i 18 e i 29 anni e giovani titolari di protezione in uscita dai progetti di accoglienza SPRAR e CAS.

I co-houser hanno la possibilità di vivere un’intensa esperienza interculturale e di comunità impegnandosi in attività di volontariato e cittadinanza attiva a sostegno dei percorsi di integrazione e di autonomia, contribuendo a restituire una visione e una narrativa dell’esperienza che si discosta da quella comune.

Perché scegliere TANDEM:

  • Per uscire di casa e rendersi indipendenti
  • Per abitare a Parma a prezzi sostenibili
  • Per chi cerca più di un posto letto e desidera condividere spazi, risorse, servizi ed esperienze di cittadinanza attiva

Cos’è

È un progetto che vuole offrire la possibilità di sperimentare percorsi di autonomia e indipendenza a giovani italiani e stranieri rispondendo alla precarietà attraverso convivenze solidali e sostenibili anche attraverso esperienze interculturali e di cittadinanza attiva e volontariato.

Attualmente il progetto si realizza in 2 appartamenti, offerti in comodato d’uso gratuito da un privato e da un’associazione, siti nel centro di Parma, non lontano dalle principali sedi universitarie.

4 italiani e 4 stranieri convivono per un anno pagando una quota di 140 euro mensili.

Obiettivi

TANDEM è più di un posto letto, più di un tetto

È un modello di residenza che offre ai giovani una soluzione abitativa temporanea, in condivisione e a un costo sostenibile.

è … autonomia e integrazione

In Tandem giovani italiani e stranieri, studenti o lavoratori precari si incontrano cercando di superare le difficoltà dovute alla precarietà, al reperimento di un alloggio in autonomia per mancanza di garanzie economiche o per pregiudizi culturali e generazionali. Nella convivenza i partecipanti immaginano e sperimentano forme di mutuo sostegno e di autonomia e supportano i giovani stranieri nel percorso di integrazione socio-relazionale, favorendo in particolare occasioni di confronto con altri giovani attraverso il loro diretto coinvolgimento in attività di volontariato e conoscenza del territorio.

è … scambio e condivisione

La coabitazione e la cogestione degli spazi quotidiani sono occasioni per sperimentare nuove forme di convivenza e di autonomia in un contesto multiculturale dove ragazzi italiani e rifugiati sono chiamati a partecipare su un piano di equità, superando l’asimmetria tipica delle relazioni d’aiuto.

è … opportunità formativa

L’Associazione CIAC Onlus offre ai candidati e ai co-houser un percorso formativo di 20 ore, mette a disposizione le proprie competenze per sostenere il progetto e promuovere nuove azioni a sostegno dell’inclusione e dell’integrazione territoriale. Grazie alla collaborazione con l’Università degli Studi di Parma, potranno essere riconosciuti crediti formativi.

I co-houser sono chiamati a partecipare attivamente alla vita della comunità locale attraverso azioni di sensibilizzazione e informazione, attività di volontariato e partecipazione alle attività di promozione della cultura dell’inclusione e non discriminazione promosse dall’associazione CIAC Onlus in collaborazione con Forum Solidarietà, il Centro Interculturale, l’Università degli studi di Parma, la Rete Scuole per Pace, il Movimento del Focolare e altri enti ed associazioni, acquisendo così preziose competenze socio-relazionali e professionali nel campo della progettazione sociale e culturale, della mediazione dei conflitti e delle migrazioni.

Dicono di Tandem:

FAVOUR 21 anni nigeriano: “Inizialmente avevo dubbi sulla convivenza, pensavo sarebbe stato difficile adattare le mie abitudini a quelle degli altri ragazzi. Il progetto Tandem mi ha aiutato ad aprirmi agli altri e ad ascoltare cercando di capire i diversi punti di vista e nel rispetto reciproco”

ARIF 25 anni pakistano: “Venivo da un’esperienza in famiglia dove mi sentivo come un figlio, qui è più difficile, impegnativo trovare momenti per stare tutti insieme ma c’è un bel rapporto di amicizia. Sono anche andato a fare visita per qualche giorno alla famiglia di un coinquilino”.

AAMIR 28 anni pakistano: “Nel progetto Tandem tutti sono sullo stesso piano, ci dividiamo i compiti e ci aiutiamo a vicenda. Sto iniziando a fare le cose da solo, mi informo sulle opportunità della città anche grazie agli amici italiani”

LORENZO 25 anni italiano: “Qui le vere prove di convivenza si giocano a tavola, la cosa più difficile è accordare i gusti di un vegano, un vegetariano, un musulmano e un onnivoro…ma dei 4 forse il più difficile sono io”

PEDRO 33 anni nigeriano: “Ho appreso cosa significa avere rispetto degli altri quando il loro modo di vivere non viola i miei diritti fondamentali. Che cosa esattamente significa ascoltare gli altri con empatia e risolvere i conflitti attraverso il dialogo, vivendo insieme come una famiglia e con una continua mediazione”

 

 

BANDO E ALLEGATI

Scarica qui il Bando

Allegato 1 Domanda di partecipazione alla selezione

Allegato 2 Modello per la presentazione di una proposta attività

Allegato 3 Regolamento di convivenza /contratto

 

FAQ

Consultale qui.

 

RASSEGNA STAMPA e MATERIALI

Tesi di laurea magistrale di Eleonora Bonariva “Dare ricevere convivere. L’obbligatorietà del dono decostruita all’interno del progetto Tandem”

“Inseguendo il sogno di studiare”

Articolo di Raffaele Castagno per Parma Repubblica  02/04/2017

Mentre l’Europa è sotto attacco noi ospitiamo i migranti

Articolo di Natascia Gargano per Donna Moderna 29/03/2016

Tandem sulla tv belga

Un servizio della giornalista Valerie Dupont, andato in onda su RTBF, la TV nazionale belga, il 12/03/2016

Oltre l’integrazione: convivere a Parma

Articolo e trasmissione radiofonica “Welcome: L’Italia che accoglie” 22/02/2016 su Radio Popolare a cura di Sara Milanese

Un solo tetto per studenti e profughi

Gli articoli di Luca Molinari sulla Gazzetta di Parma 20/02/2016