Promosso dalla Regione Emilia Romagna nel 2007 e coordinato in sede locale dall’Assessorato ai Servizi Sociali della Provincia di Parma, mira alla creazione di una rete territoriale che si occupi di consulenza, orientamento, prevenzione di potenziali situazioni di discriminazione.

Ciac onlus partecipa alla rete territoriale dei vari Distretti, tramite gli Sportelli attivi presso i

Comuni. Di seguito, in particolare.

Nel Distretto di Fidenza, gli operatori di Ciac onlus realizzano attività di Nodo antenna informativo sui temi della discriminazione nei comuni di Trecasali, Soragna, Polesine Parmense, Noceto, Zibello, Busseto, Fontevivo, Fontanellato, Salsomaggiore T., Roccabianca, Sissa, San Secondo Parmense; realizzano attività di Sportello nel comune di Fidenza e nell’ambito dello Sportello Provinciale Asilo.

Nel Distretto Sud-Est, gli operatori di Ciac onlus realizzano attività di Nodo antenna informativo sui temi della discriminazione nei comuni di Calestano, Neviano degli Arduini, Traversetolo; realizzano attività di Sportello nel comune di Langhirano e nell’ambito dello Sportello Provinciale Asilo.

Nel Distretto Valli Taro e Ceno, gli operatori di Ciac onlus realizzano attività di Sportello sui temi della discriminazione nell’ambito dello Sportello Provinciale Asilo.

Cinque operatori di Ciac onlus hanno partecipato già nel 2008 alla formazione realizzata

dall’Assessorato alla Sanità e alle Politiche Sociali della Regione Emilia-Romagna.

Come previsto dal d.lgs 215/2003, articolo 5, che ha istituito l’apposito Registro, il Ciac è iscritto al Registro Nazionale delle associazioni che svolgono attività nel campo della lotta alle discriminazioni.