interconnessioni loghi bis


L’associazione CIAC onlus, con il partenariato di AUSL Parma, A.C.E.R. Parma, FORUM SOLIDARIETÀ- Centro servizi per il  volontariato di Parma, UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI PARMA, DIPARTIMENTO DI LETTERE, ARTI STORIA E SOCIETA’, è capofila del progetto FEI “INTERCONNESSIONI. Percorsi di prevenzione, mediazione e promozione della comunità nel territorio parmense”.

Il progetto si articola in diverse azioni.

Azione 1

Con una prima fase di realizzazione di una mappatura delle risorse di rete territoriale e dei servizi sociosanitari e alloggiativi e una seconda fase di costruzione di una piattaforma informatica condivisa da diversi stakeholders che diventi uno strumento finalizzato alla tracciatura delle situazioni multiproblematiche per condividere gli interventi. L’incrocio dei dati forniti da queste due fasi, sarà funzionale alla condivisione delle strategie di intervento. Si prevede la realizzazione di incontri, rivolti ai soggetti istituzionali e del terzo settore, di coordinamento territoriale e formazione sulla costruzione di un sistema integrato di servizi al fine di sviluppare,attraverso intese, una metodologia d’accesso che valorizzi la connessione interistituzionale e multidisciplinare.

Cosa è stato realizzato

Piattaforma informatica

 

Azione 2

Attivazione di sportelli di segretariato sociale presso i Comuni, CUP o le Case della Salute, ACER con funzione di prima accoglienza dell’utenza migrante, di supporto nella compilazione della relativa modulistica, orientamento per l’accesso ai servizi con informazione di primo livello.

Cosa è stato realizzato

 

Azione 3

Attivazione di un servizio di consulenza giuridica e mediazione linguistica-interculturale presso i Comuni della provincia di Parma. Il servizio sarà in grado di attivare la rete territoriale, da un lato facilitando l’accesso ai servizi e dall’altro promuovendo un dialogo attivo e propositivo con gli attori sociali coinvolti al fine di rispondere ai bisogni espressi dalla popolazione immigrata in maniera efficace e sinergica.

Cosa è stato realizzato

 

Azione 4

Promozione della salute: attività informativa e di sensibilizzazione su tematiche giuridiche e sanitarie, con azioni di prossimità dirette a illustrare i diritti e la rete dei servizi sociosanitari in particolare quelli culturalmente sensibili,finalizzati all’abbattimento delle barriere linguistiche e culturali. L’informazione verrà resa capillarmente attraverso l’azione del mediatore che utilizzerà canali privilegiati di incontro con i cittadini stranieri recandosi presso le comunità e attivando la rete formale e informale delle associazioni di stranieri.I mediatori lavoreranno con ASL al fine di trovare metodologie di intervento efficaci per favorire l’adesione alle campagne di prevenzione e a stili di vita corretti.Verranno inoltre realizzati incontri pubblici presso i Comuni della provincia, i CTP, il Centro Interculturale e i Laboratori Famiglia di Parma.Gli incontri a cui parteciperanno avvocati e personale ASL verteranno su: diritto dell’immigrazione – malattie infettive– adesione alle campagne di screening – vaccinazioni prevenzione degli incidenti domestici – gestione a lungo termine delle malattie croniche degenerative – salute donna.

Cosa è stato realizzato

 

Azione 5

Si prevede la realizzazione di momenti informativi rivolti alla cittadinanza di nazionalità straniera e italiana, con il coinvolgimento di diverse istituzioni, realtà del terzo settore ed esperti al fine di fornire informazioni e orientamento rispetto ai servizi legati alla casa e alla convivenza per incentivare comportamenti responsabili e consapevoli e prevenire l’insorgere di situazioni conflittuali. Gli incontri saranno presso alloggi ERP gestiti da ACER in Parma e provincia, con gli utenti degli “alloggi sociali” del Comune di Parma destinati all’accoglienza temporanea di adulti singolo, nuclei madre/bambino e nuclei familiari in carico al servizio sociali con alta incidenza di stranieri,presso il Centro Interculturale con associazioni di stranieri. I temi degli incontri saranno i regolamenti condominiali, i contratti d’affitto con focus su diritti e doveri, prevenzione e gestione sfratti, gestione del budget domestico, sensibilizzazione sulla raccolta differenziata e risparmio energetico,informazioni su social housing e cohousing.

Cosa è stato realizzato

 

Azione 6

Realizzazione in collaborazione con l’Università di Parma di una ricerca-azione in ambito urbano e di quartiere finalizzato ad accrescere il senso di cittadinanza e di appartenenza alla comunità,facilitare la comprensione delle dinamiche della convivenza e a fornire ai cittadini strumenti utili a favorire l’integrazione dei migranti nella comunità locale. La ricerca-azione sarà svolta da psicologi del Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società dell’Università di Parma prendendo a campione quartieri particolarmente a “rischio sociale”; verranno condotti focus group sia con cittadini nativi sia con immigrati e rappresentanti delle comunità etniche presenti sul territorio allo scopo di attivare un confronto sui temi dell’integrazione, della discriminazione e sulle capacità di risposta delle politiche sociali e abitative a livello cittadino e locale. Successivamente ci sarà un incontro in cui utilizzando il metodo delle giurie dei cittadini (Jefferson Center, 2004) si affronteranno temi controversi della vita di comunità emersi nei focus group, stimolando la ricerca di possibili soluzioni. A questa giuria parteciperanno cittadini italiani e stranieri, rappresentanti delle istituzioni e del privato sociale.

Cosa è stato realizzato

La ricerca

 

Azione 7

Realizzazione di un percorso di formazione di livello avanzato sulla mediazione dei conflitti.

Cosa è stato realizzato

 

Azione 8

Start up di uno sportello di mediazione sociale presso ACER Parma e /o presso il Comune di Parma, rivolto a tutti i cittadini, per la prevenzione e mediazione dei conflitti, che opererà per la diffusione di una cultura di convivenza sostenibile al fine di migliorare la qualità di vita delle persone in situazioni di disagio e/o emarginazione sociale e favorire il processo di integrazione.

Cosa è stato realizzato