Abbiamo già inviato migliaia di mail agli indirizzi del Ministro degli Interni Lamorgese e a quello degli Esteri Di Maio, ma il Governo non ha ancora detto cosa vuole fare riguardo al vergognoso Memorandum tra Italia e Libia che è stato tacitamente rinnovato ieri.
Per questo è ancora importante continuare a far sentire la nostra voce: se anche voi, come Medici Senza Frontiere, credete che non si possa rinnovare la vergogna, vi chiediamo di fare un gesto semplice ma significativo: seguite le istruzioni qui sotto e fatevi sentire!

✍️ISTRUZIONI✍️
Per questo vi chiediamo di prendere posizione: trovate qui sotto un testo da inviare al ministro degli Interni Luciana Lamorgese e a quello degli Esteri Luigi Di Maio.
Vi basterà
👉copiare il testo nella vostra mail
👉 inserire l’oggetto (Il memorandum con la Libia va cancellato)
👉inserire i loro indirizzi:
✏️caposegreteria.ministro@interno.it
✏️dimaio_luigi@camera.it
✏️e quello della nostra segreteria:✏️segreteria@ioaccolgo.it in modo che potremo tenerne traccia
👉firmarlo in fondo con il vostro nome e inviarlo.

E’ importante far sentire la nostra voce, solo se saremo in tanti potremo raggiungere il risultato di cambiare la vita di migliaia di persone.
Grazie,
La Segreteria di ioaccolgo
www.ioaccolgo.it
———-

OGGETTO: Il Memorandum con la Libia va cancellato

Egregio ministro,
Le scrivo personalmente per esprimere il mio dissenso in merito al rinnovo del memorandum con la Libia, firmato nel 2017 e mai ratificato dal Parlamento. Da quanto si apprende il vostro Governo intende rinnovare quegli accordi senza modifiche.

Il 2 febbraio, quindi, il Memorandum verrà automaticamente rinnovato, nonostante gli impegni a modificarlo assunti da voi circa tre mesi fa. Si continuerà, dunque, a finanziare la guardia costiera libica – per lo più formata da quegli stessi trafficanti che si dice di voler fermare – perché riporti i migranti in fuga nei lager dove sono sottoposti a ogni tipo di tortura e dove si può morire a causa dei bombardamenti.

Sono convinto che l’unica scelta “umana” da compiere subito sarebbe quella di svuotare i lager e trasferire chi vi è trattenuto e non rinnovare gli accordi che hanno causato solo sofferenza e problemi per migliaia di persone. Le chiedo dunque, così come sostenuto dalla campagna IOACCOLGO, di procedere al più presto a evacuare di tutti i migranti trattenuti nei centri libici, all’apertura di corridoi umanitari europei, ristabilire un’operazione efficace di soccorso in mare, ripristinare in Italia e in Europa un sistema di accoglienza che punti ad una integrazione vera nel rispetto dei diritti umani fondamentali, a cominciare dal diritto alla vita.

NOME E COGNOME