Il progetto “Interfacce” – finanziato da Fondazione Cariparma a valere sul bando Lotta alla povertà 2018 – si rivolge a disoccupati sia titolari di protezione internazionale e umanitaria, sia altri stranieri o giovani italiani. “Interfacce” ha per asse principale l’estensione dei servizi del Centro di Orientamento al Lavoro e di Formazione Franco Basaglia (precedentemente dedicato ai soli beneficiari SPRAR di CIAC) a un target più ampio e la realizzazione di nuovi laboratori che hanno per destinatari gruppi misti.

Grazie al progetto è inoltre in fase di allestimento uno sportello informatico accessibile autonomamente dagli utenti in presenza di un tutor. L’obiettivo di questo sportello è di favorire il miglioramento delle capacità informatiche, di assistere l’utente nella redazione del proprio CV personale, nel favorire la ricerca attiva del lavoro. Questi servizi permettono di “interfacciarsi” con il mondo del lavoro, ma anche con operatori competenti e con altri utenti che hanno esigenze simili, se pure con profili sociodemografici differenti.

Oltre a garantire l’accesso a servizi qualificati, sviluppati negli anni di esperienza in ambito SPRAR, il progetto si prefigge di sviluppare le relazioni informali tra i fruitori dei servizi che possono accedere liberamente agli spazi del Centro Basaglia. Ciò permette di intensificare le relazioni interculturali e rendere le reti sociali più dense, offrendo maggiori opportunità di orientamento nel territorio.

A questo scopo gli operatori di CIAC saranno affiancati da volontari “facilitatori di comunità”, debitamente formati, che garantiranno una presenza fissa con un ruolo di prossimità e connessione con il Centro Servizi per il Volontariato e altri enti per attivare percorsi di volontariato in un’ottica di restituzione e consolidamento dei legami sociali.

Per facilitare i percorsi di autonomia i servizi del Centro Basaglia sono ancorati a strumenti di supporto più tradizionali, come il co-housing (affitti, utenze), la mobilità (abbonamenti a bus e treni), piccoli sussidi per le spese personali (a rimborso di spese effettivamente realizzate). In “Interfacce” questi strumenti diventano un tassello fondamentale in un periodo di transizione (temporalmente limitato e controllato) in cui il venire meno di uno solo di questi più aspetti può compromettere l’intero percorso.