Un poliziotto ungherese pattuglia il confine serbo-ungherese vicino al villaggio di Gara, in Ungheria, il 2 marzo 2017. (Laszlo Balogh, Reuters/Contrasto)

Nel 1951 gli stati delle Nazioni Unite approvarono una convenzione sui profughi, con un obiettivo limitato: garantire che quelli della seconda guerra mondiale non subissero ingiustizie. Progressivamente il termine “profugo” si è allargato, e l’occidente ha cominciato a usare l’espressione per definire tutti quelli che fuggivano dall’Unione Sovietica e dall’Europa orientale, ma non quelli che fuggivano dalle guerre coloniali in Africa orientale e nel sudest asiatico. Un protocollo del 1967 ha cancellato le limitazioni di spazio e tempo, chiedendo che i profughi fossero riconosciuti “senza alcun limite geografico”.

Secondo questa logica, chiunque sia costretto a lasciare la propria casa è un profugo. Attualmente al mondo ci sono 66 milioni di persone che sono state costrette a spostarsi. La maggioranza vive ancora nel proprio paese d’origine. Solo 22,5 milioni di persone sono ufficialmente registrate come rifugiate. Nel 2016 appena 189.300 hanno potuto stabilirsi in altri paesi. Il resto è rimasto nei campi o ai margini del sistema di protezione internazionale. Vale la pena ricordare che ogni giorno circa 30mila persone sono costrette ad abbandonare la loro casa.

I paesi ricchi, ovvero i vecchi stati coloniali – dagli Stati Uniti all’Australia – hanno sviluppato un piano comune per affrontare la crisi dei profughi: costruiscono campi lontano dal loro territorio, “appaltando” il problema a stati che sono disposti, sotto pagamento, a costruire ostacoli alla libera circolazione dei popoli.

Prendiamo in esame i casi di Manus Island (Papua Nuova Guinea), Peñas Blancas e Paso Canoas (Costa Rica), del Sahel e della Turchia. In ognuna di queste aree l’occidente ha finanziato la creazione di forze militari e campi di concentramento per bloccare i disperati in fuga dalla fame e dalle guerre.

[continua su Internazionale]