TERRA D’ASILO, TERRA D’INCONTRI


La TERRA accoglie e nutre,
nella TERRA affondano le radici
e sulla TERRA convergono
i passi di chi si riconosce e si incontra


Il progetto promuove l’inclusione socio-lavorativa per richiedenti asilo e titolari di protezione , che sperimenteranno nell’ incontro reciproco e nel lavoro agricolo nuovi strumenti di costruzione nell’autonomia e di valorizzazione delle proprie competenze, arricchiti dall’apertura al territorio, per la costruzione di una comunità inclusiva che pratica intercultura, integrazione e sostenibilità.

Dal Gennaio del 2006 il Podere Villa Baroni, nel Comune di San Secondo Parmense, ospita richiedenti asilo e titolari di protezione nell’ambito del Progetto SPRAR (Sistema nazionale di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati), denominato “Terra d’Asilo”. Dal 2017 i ragazzi accolti sperimentano un percorso di Agricoltura Sociale per autoproduzione, con l’attivazione di un Orto comunitario di circa 600 Mq, gestito dagli stessi richiedenti asilo e titolari di protezione in collaborazione con volontari del territorio, che hanno messo a disposizione competenze tecniche per la gestione di una piccola produzione di ortaggi.

Abbiamo presentato il progetto ad un bando di Confagricoltura, per passare  alla valutazione tecnica abbiamo bisogno di voti: dedicateci 3 minuti (5 minuti se non siete proprio veloci col computer!!!). Il progetto è bello, il gesto è di solidarietà concreta… e gratis!!!

✔️VISITA: https://www.coltiviamoagricolturasociale.it/
✔️segui le istruzioni “Guida alla votazione”
✔️clicca sul box di progetto TERRA D’ASILO, TERRA D’INCONTRI 
✍️VOTA!✍️

FOTO