Ieri sera una grande manifestazione ha sfilato per le vie di Parma per esprimere solidarità al popolo turco, sotto attacco da parte della Turchia. Anche Ciac era presente all’iniziativa ed è vicino a tutti i popoli che soffrono e che sono schiacciati dalle guerre.

“Le piazze di tutta Italia -si legge in una nota degli organizzatori- si stanno mobilitando a sostegno della rivoluzione democratica, ecologista e trans-femminista del Rojava (Siria del Nord), che da qualche giorno, dopo l’effettivo ritiro delle truppe USA, si trova a dover fronteggiare le bombe e le pallottole dell’esercito turco, pagando un alto prezzo di morti e feriti. Erdogan non si fa scrupoli e minaccia l’UE di rilasciare i 3.5 milioni di profughi attualmente ospiti forzati della Turchia se non cesseranno le reazioni di protesta (al momento solo parole) nei nostri paesi. Noi crediamo invece che sia nostro dovere esprimere il più aspro dissenso nei confronti delle politiche di morte perpetrate dai dittatori come Erdogan, così come pretendiamo un’azione decisa dei Governi volta almeno a fermare lo scempio imperialista e fascista che sta seppellendo la Siria sotto altre macerie, come se non bastassero 8 anni di guerra civile. Le Forze Democratiche Siriane non devono essere lasciate sole a combattere, i popoli in lotta che convivono in pace da anni nell’Amministrazione Autonoma della Siria del Nord, costituendo uno dei rari esempi di democrazia diretta e potere dal basso, non vanno traditi un’altra volta”.