A partire dalle recenti novità introdotte dalla Legge n. 132 del 2018 (Decreto c.d. “sicurezza”), il Partito Democratico di Parma organizza un dibattito pubblico sulla questione delle migrazioni in relazione al ruolo giocato dai media, soprattutto quelli nazionali, nella generazione delle paura e della percezione diffusa d’insicurezza. Infatti, nonostante le statistiche registrino, anche a Parma, un calo costante dei reati, il senso comune paradossalmente sembra ‘avvertire’ una tendenza diversa e di segno opposto.

Il decreto “Salvini” asseconda questa tendenza individuando nei richiedenti asilo un bersaglio nei cui confronti incanalare rabbia e paure: elimina di fatto la protezione umanitaria e il sistema SPRAR, che era un percorso d’eccellenza a livello europeo; declassa le prospettive dei minori stranieri non accompagnati; taglia la possibilità d’accesso alle prestazioni sociali impedendo l’iscrizione dei richiedenti asilo nei registri dell’anagrafe.

Qual è la responsabilità della politica davanti a tutto questo? E quale quella degli operatori dell’informazione?

Ne parleremo con:

Chiara Marchetti: Ciac Onlus – Università di Milano
Mattia Motta: Federazione Nazionale della Stampa Italiana
Andrea Orlando: Camera dei Deputati PD

Modera:
Gianluca Zurlini: Gazzetta di Parma